News

Novità per te dal mondo Dreamed

Sindrome di Burnout

Ad ognuno di noi può capitare di vivere momenti di particolare stress a livello lavorativo, a volte il carico psicologico ed emotivo diventa tale, da farne una malattia a tutti gli effetti.

Il termine burnout, indica una condizione rilevata tra lavoratori impegnati solitamente nelle cosiddette professioni di aiuto, specialmente dell' area socio-sanitaria. Tradotto in italiano come «bruciato», «esaurito», «scoppiato», il burnout non è, tuttavia, manifestazione peculiare delle professioni sociosanitarie,macostituisceunrischiopotenzialeperognioperatorechelavoraa contatto con un pubblico in maniera continuativa (insegnanti, avvocati, farmacisti ecc. ecc.). 

Questo rischio sembra derivaredarapportiinterpersonali,frequentieintensi,chetalioperatoriintreccianoconiloro utenti. Rapporti spesso carichi emotivamente, caratterizzati da stati di tensione, di ansia, di imbarazzo e anche diostilità.

          Negli anni 80 il burnout viene deficita come una sindrome costituita da:

·      esaurimento emotivo: senso di impotenza, tensione, impazienza e demotivazione, l’operatore sente di non avere più niente da offrire al proprio interlocutore

·      depersonalizzazione: subentrano apatia verso il prossimo e cinismo verso il proprio lavoro

·      senso di inefficacia professionale: perdita della propria autostima da un punto di vista professionale e lavorativo, con senso di inadeguatezza 

 

I soggetti maggiormaente a rischio sono persone vulnerabili e fragile caratterialmente, o al contrario persone che hanno un’eccessiva dedizione al lavoro e che tendon all’idealismo o al perfezionismo. Tra le cause primarie della sindrome troveremo il carico di lavoro eccessivo, il mancato riconoscimento da parte di superiori, mancanza di supporto tra colleghi e assenza di equità in termini economici o di distribuzione del lavoro.

In questi casi la risorsa colpita da questa particolare sindrome potrà cercare supporto psicologico professionale, seguendo corsi di gestione dello stress e degli stati d’ansia. Esistono infatti sportelli d’ascolto dedicati che aiutano a migliorare la propria capacità di resilienza in modo da poter fronteggiare al meglio queste condizioni di disagio professionale.